“Continuiamo con le nostre azioni a sostegno della vertenza dei circa 2600 Ex Pip che vivono in un clima di assoluta incertezza lavorativa. Anche per questo, è indetta per domani l’assemblea sit-in davanti la Presidenza della Regione siciliana”. Con queste parole Mimma Calabrò, alla guida della Fisascat Cisl Sicilia, annuncia le motivazioni dell’iniziativa. “Un silenzio assordante – apostrofa la sindacalista – quello che attornia la vertenza degli Ex Pip. Tante parole, pochi fatti! Le lavoratrici e i lavoratori meritano rispetto. Come Fisascat – continua – abbiamo richiesto al Presidente della Regione siciliana di essere ricevuti già nel corso del sit-in ritenendo non più procrastinabile ricevere le dovute informazioni e aggiornamenti sui lavori del tavolo tecnico romano di cui fa parte anche la Regione siciliana. In assenza di risposte, continueremo la nostra incessante azione sindacale, accanto alle lavoratrici e ai lavoratori Ex Pip. E’ impensabile – conclude la Calabrò – che i lavoratori, da oltre vent’anni, continuino ad essere lasciati nel limbo della precarietà”.


E’ ormai prossima la scadenza della proroga dell’appalto del servizio di pulizia dei mezzi Amat di Palermo, prevista per il prossimo 30 settembre. “Nei giorni scorsi – afferma Mimma Calabrò, alla guida della Fisascat Cisl Palermo Trapani – sembrerebbe che il Comune di Palermo abbia avuto delle interlocuzioni con Reset e Amat. Abbiamo dunque provveduto a richiedere un incontro al Sindaco e all’Assessore Marano per conoscere le determinazioni che il Comune intende assumere a tutela dei 40 lavoratori che, da decenni, svolgono il servizio – continua la sindacalista – Il 30 settembre è ormai alle porte! E’ impensabile che i lavoratori si ritrovino ancora una volta a ridosso della scadenza dell’appalto, carichi di preoccupazione, senza alcuna notizia certa sul loro futuro occupazionale – conclude la Calabrò – Auspichiamo che quanto sostenuto dal Sindaco per i lavoratori di Almaviva in merito all’applicazione della clausola sociale venga confermato anche per questi lavoratori in appalto all’interno di una Azienda partecipata del Comune di Palermo. Non si possono innescare fenomeni di cannibalismo sociale fra i lavoratori!”


“Silenzio assordante sulla stabilizzazione degli Ex Pip. Questa melina, dopo oltre 20 anni, non è più accettabile”. Sulla vicenda interviene nuovamente Mimma Calabrò, leader della Fisascat Cisl Sicilia, che continua – “Dal Tavolo Tecnico istituito a Roma presso il Ministero della Funzione Pubblica non giunge più alcuna notizia. Non vorremmo pensare male, ma tutto questo silenzio è forse riconducibile alle campagne elettorali che sono ormai alle porte? I politici devono smetterla di pensare agli Ex Pip solo come un bacino di voti che, ciclicamente, possono riutilizzare – tuona la sindacalista – Si tratta di lavoratori che, da oltre 20 anni, vivono in una situazione di precariato fatta di pochi diritti, peraltro conquistati nel tempo, e tanti doveri. Si pensi, ad esempio, alle rivendicazioni legate al riconoscimento mensile del cosiddetto “Bonus Renzi” di cui, quest’anno, dopo molteplici interventi sindacali è stato erogato soltanto un acconto. Inspiegabile – a detta della Calabrò – la motivazione per cui la Pubblica Amministrazione non ne disponga, così come avviene per tutti gli altri lavoratori, il pagamento mensile, così come risulta inspiegabile il fatto che non siano stati accreditati i rimborsi del 730/2021 per tutti gli aventi diritto. Lamentiamo inoltre il fatto che ai lavoratori sembrerebbe non essere mai stato consegnato il “cedolino paga” dal quale poter evincere le voci relative alle competenze e alle trattenute. Se, invece, come è giusto che sia, gli consegnassero quella che, nei fatti, corrisponde alla loro busta paga, i lavoratori potrebbero avere evidenza delle motivazioni per cui, mensilmente, vengono trattenute dal sussidio decine e decine di euro. Non vadano dimenticate – continua la sindacalista – tutte le problematiche legate all’organizzazione del lavoro che pare determinata, piuttosto che da linee guida valevoli per tutto il personale del bacino, da direttive proprie degli Enti Ospitanti. Come Fisascat, abbiamo più volte richiesto l’intervento del Dipartimento Lavoro affinché, attraverso apposite direttive, venissero superate tutte le criticità rappresentate. Troppo spesso, purtroppo, ai lavoratori non viene erogato il sussidio per inspiegate motivazioni. A loro resta non solo l’onere di capire le motivazioni della sospensione dal servizio e dalla retribuzione, ma anche di andare a ricercare la disponibilità di un Ente Ospitante ove poter lavorare. Per quanto ancora – apostrofa la Calabrò – gli Ex Pip dovranno restare in questo limbo, sopportando tutto questo? Dall’ultimo incontro del mese di agosto presso l’Assessorato all’Economia, infatti, è emersa un’ulteriore complicazione dovuta ai dubbi sollevati dal Mise. Il Presidente Musumeci si è attivato per richiedere deroghe ai vincoli imposti dall’accordo Stato Regione del 14.01.2021 che sembrerebbe non consenta alla Regione siciliana di procedere con nuove assunzioni/stabilizzazioni attraverso l’imposizione di vari blocchi. A noi sembra più un problema di lana caprina dal momento che il Governo Draghi, con tutti gli interventi a favore dell’occupazione, non può lasciare la Sicilia esclusa da ciò che si sta facendo nel resto d’Italia. I politici facciano sentire la propria voce sul livello nazionale in maniera forte e coesa, al di là della propria appartenenza partitica, per definire tale problematica affinché si accelerino i tempi. Quanto alla Regione Siciliana, che non si nasconda dietro un dito limitandosi a una semplice richiesta di rivisitazione dell’accordo ma si assuma la responsabilità di risolvere definitivamente il problema. Non bisogna dimenticare, infatti, che, così come previsto dall’emendamento al decreto “Mille Proroghe”, tutto l’iter deve essere definito entro il 31 marzo 2022. Noi non ci fermeremo! – conclude la sindacalista – L’autunno si rivelerà una stagione di lotte sindacali per gli Ex Pip. Scenderemo nuovamente in piazza, pronti ad arrivare sino a Roma se si dovesse rivelare necessario e ci auguriamo che la Regione siciliana sia con noi in questa battaglia!”


Appena reso noto alle organizzazioni sindacali della cessione di 12 punti vendita Meridi di Palermo e Trapani alla Iges srl, società del gruppo PAC 2000. Secondo quanto comunicato con la procedura, 52 lavoratori saranno trasferiti a più società affiliate alla Iges srl.

“Apprendiamo positivamente della cessione di 12 punti vendita a marchio Fortè che, da oltre un anno, si trovano in Amministrazione Straordinaria – a commentare la notizia è Mimma Calabrò, leader della Fisascat siciliana – Una storia travagliata quella dei lavoratori Fortè che, negli ultimi anni, si sono sottoposti a sacrifici estenuanti dovendo ancora percepire diverse mensilità. Abbiamo già formulato richiesta di incontro alle nuove società subentranti alle quali chiederemo garanzie occupazionali per i lavoratori coinvolti – continua la sindacalista – Confidiamo che presto anche gli altri 113 lavoratori dei punti vendita dislocati nell’intera rete vendita siciliana possano anch’essi transitare in altre società mettendo fine ad una situazione drammatica che coinvolge, da quasi due anni, non soltanto i lavoratori ma anche le loro famiglie – conclude Calabrò – Continueremo a restare vigili seguendo la vicenda passo passo, sempre a fianco dei lavoratori”.


“Abbiamo appena appreso positivamente della ulteriore proroga dell’appalto di pulizia dei mezzi Amat di Palermo fino al prossimo 30 settembre. Un’altra boccata di ossigeno per i 40 lavoratori che, da anni, svolgono il servizio” – a commentare la notizia è Mimma Calabrò, alla guida della FISASCAT Cisl Palermo Trapani, che continua – “Nelle scorse settimane sembrava concretizzarsi sempre più l’ipotesi di una internalizzazione del servizio da parte del Comune di Palermo in favore della Reset. Tale determinazione sarebbe ricaduta negativamente sui 40 lavoratori, gettandoli nello sconforto della disoccupazione. La proroga – precisa la sindacalista- pur rappresentando una risposta immediata e necessaria al problema, non è comunque sufficiente. Nei prossimi mesi, la Governance dell’Amat e il Comune di Palermo devono infatti assumere un impegno definitivo a tutela di questi lavoratori. È impensabile che non soltanto si generi disoccupazione affidando il servizio alla Reset ma, per di più, tale affidamento non risolverebbe le problematiche lamentate da anni dai lavoratori della partecipata comunale che ancora attendono, ma giustamente pretendono, che vengano rispettati gli accordi a tutela dei loro diritti a tutt’oggi loro negati. Un eventuale intervento della Reset per gli stessi servizi ingenererebbe solo cannibalismo sociale. Di proroga in proroga, si lede la serenità dei lavoratori e delle loro famiglie che vivono costantemente segnando il passare dei giorni sul calendario. Non abbasseremo dunque la guardia! – conclude la Calabrò – Chiediamo che, nelle more di tale ulteriore proroga, si definisca positivamente questa incresciosa vertenza. Continueremo a rimanere vigili sempre a fianco dei lavoratori”.


“Gli oltre 400 lavoratori del gruppo Gamac possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. L’Amministratore Giudiziario della Società ha infatti appena comunicato che i 13 punti vendita di Palermo e provincia sono stati trasferiti, per fitto di ramo di azienda, a più imprenditori locali – con queste parole la leader della Fisascat Cisl Palermo Trapani Mimma Calabrò commenta la notizia appena resa nota – L’iter per il trasferimento del ramo di azienda che avrebbe dovuto coinvolgere tutte le unità produttive del gruppo, era già stato avviato all’inizio del 2021 ma escludeva gli addetti amministrativi. Come Fisascat – continua la sindacalista – avevamo sin da subito contestato quella procedura, conclusasi poche settimane dopo con un nulla di fatto a causa del sequestro delle attività avvenuto nello scorso mese di febbraio. Questa volta, dunque, sembra che il percorso possa finalmente essere perfezionato con la tutela di tutti i livelli occupazionali a far data dal prossimo 2 agosto. Un plauso dunque all’Amministratore Giudiziario, dott. Cataldo Leone e al suo staff, per aver definito celermente il complesso percorso che ha portato alla definizione della vicenda. Restano comunque da definire – conclude la Calabrò – gli ulteriori passaggi con le società subentranti, con le quali ci incontreremo già il 27 luglio, per il perfezionamento della cessione dei punti vendita. Continueremo a seguire passo passo la vicenda, sempre a fianco dei lavoratori per tutelare i loro diritti”.


“Apprendiamo con una nota appena ricevuta, che la Reset sta predisponendo un’offerta economica per l’affidamento in house del servizio di pulizia degli autobus dell’Amat di Palermo con una probabile durata di 24 mesi – a commentare la notizia è Mimma Calabrò, Segretario generale Fisascat Cisl Palermo Trapani – Secondo quanto appreso dalla comunicazione societaria, i lavoratori selezionati sarebbero impiegati per un numero di 40 ore settimanali per l’intera durata della commessa. E’ evidente che qualora il servizio dovesse essere affidato alla Reset si innescherebbero meccanismi che potrebbero definirsi di cannibalismo, operando distinzioni fra lavoratori di serie A e lavoratori di serie B. Soltanto 24, infatti, sarebbero i lavoratori che verrebbero deputati a tale servizio. Di certo non è questa l’esigibilità degli accordi firmati che avrebbero già dovuto portare i 1311 lavoratori Reset ad una condizione di normalità. Questo è soltanto un piatto di lenticchie per poche unità alle quali viene chiesto di svolgere un lavoro pesante a fronte di un aumento di ore e a tempo determinato facendo leva sul bisogno dei lavoratori Reset di avere il tanto auspicato aumento di ore. A nostro avviso, tale scelta intrapresa da Reset ha il solo obiettivo di “fare cassa” – continua la sindacalista – Perché, piuttosto, il Comune di Palermo non attivi una vera mobilità interaziendale in maniera più completa e compiuta? I lavoratori Reset meritano molto di più. E’ ora che venga garantita loro la stessa dignità dei lavoratori delle altre partecipate anche perché è stata ampiamente riconosciuta la qualità dei servizi resi da tutti dipendenti, ancor più dall’inizio della pandemia che stiamo ancora vivendo. Tale operazione di cannibalismo getterebbe nella disperazione causata dalla disoccupazione i 40 lavoratori che già svolgono servizio di pulizia dei mezzi Amat con sole due ore e mezzo al giorno, lavorando anche di notte e in condizioni di difficoltà e disagio. Già alcuni anni fa – ricorda la Calabrò – il Comune di Palermo e l’Amat stavano attuando una operazione simile ma, dinanzi agli atti di disperazione dei lavoratori, il Sindaco fece loro la promessa che non si sarebbe mai più verificata un’operazione di cannibalismo di questo tipo finché lui fosse stato in carica – conclude la Calabrò – Che ben venga una eventuale mobilità di lavoratori Reset in Amat ma solo per incrementare e migliorare i servizi resi da Reset alla collettività ma non a discapito di altri lavoratori. Chiediamo, pertanto, al Sig. Sindaco di intervenire urgentemente per evitare che i 40 lavoratori dell’Amat vengano fagocitati e che la sua promessa non si riveli una “promessa da marinaio”.


“Sono passati ben 100 giorni da quando il Consiglio Comunale ha deciso di rivedere le determinazioni assunte con la bocciatura dell’atto aggiuntivo alla convenzione urbanistica a suo tempo stipulata tra il Comune di Palermo e la Migliore Spa ma, ad oggi, tutto tace”. Ad accendere nuovamente i riflettori sulla vertenza è Mimma Calabrò, Segretario generale della Fisascat Cisl Palermo Trapani.

“Proprio pochi giorni dopo l’iniziale bocciatura – spiega la sindacalista – il Comune di Palermo aveva deciso di rivedere la propria posizione chiedendo alla Curatela Fallimentare del Grande Migliore di integrare la documentazione in loro possesso per chiarire i dubbi sollevati in seno al Consiglio Comunale al fine di poter formulare una nuova proposta deliberativa. In tempi brevissimi il Curatore Fallimentare, Avv. Alberto Marino, ha prontamente provveduto a fornire quanto di sua compenza ma, ancora una volta, la situazione sembra essersi nuovamente arenata. Dobbiamo aspettare che si ripeta quanto già accaduto in passato quando la prima richiesta di proroga dell’atto aggiuntivo presentata dalla Curatela è approdata in aula soltanto dopo 10 mesi? Non bisogna dimenticare che, giorno dopo giorno, aumentano sempre più gli interessi passivi vantati dagli istituti bancari creditori riducendo, conseguentemente, le somme derivate dalla vendita che dovrebbero soddisfare le richieste degli ex dipendenti che, nel tempo, hanno maturato spettanze mai corrisposte, frutto del loro lavoro in azienda. Parliamo di migliaia e migliaia di euro di stipendi non corrisposti per 269 lavoratori che, oltre a non avere più alcuna copertura data dagli ammortizzatori sociali, vedono naufragare la speranza che, attraverso il cospicuo ricavato della vendita dell’immobile, possano recuperare quanto loro dovuto. E’ veramente un peccato pensare che un immobile di tali dimensioni e con una posizione strategica dal punto di vista commerciale possa perdere la propria appetibilità, in quanto chi potrebbe aggiudicarselo all’asta dovrebbe ricominicare l’intero iter per la concessione urbanistica. Lanciamo pertanto un appello al Presidente del Consiglio Comunale affinchè calendarizzi quanto prima la seduta consiliare. Confidiamo che queste integrazioni possano essere risolutive per la questione e dare speranza agli ex lavoratori del Grande Migliore che, da troppo tempo, aspettano ancora risposte – conclude la sindacalista – Non vogliamo pensare che per posizioni preconcette di logiche partitiche di maggioranza e minoranza si facciano scelte che danneggiano i lavoratori e, più in generale, la città di Palermo”.


Ritornano in piazza le lavoratrici e i lavoratori del settore gioco legale delle sale bingo, sale scommesse e gaming halls di Palermo e Trapani per lanciare un appello alle istituzioni affinchè si ricordino che sono migliaia gli addetti da troppo tempo fermi a causa dello stop al settore gioco legale.
“FATECI RIAPRIRE” questo il messaggio del flash mob di stamane, a Palermo in Piazza Politeama, lanciato dai lavoratori del settore gioco legale che, insieme alla FISASCAT CISL Palermo Trapani, a gran voce hanno ricordato di esserci. Di essere in tanti. Migliaia di lavoratori ormai stanchi di attendere, invano, che venga prevista una data di riapertura delle sale.
“Le attività del gioco legale contano, ad oggi, 301 giorni di chiusura. Questo dato per le lavoratrici e lavoratori del settore si traduce, sempre ad oggi, in 301 giorni di cassa integrazione. I lavoratori e loro famiglie sono allo stremo” con queste parole Mimma Calabrò Segretario generale FISASCAT Cisl Palermo Trapani spiega il motivo per cui il Sindacato ritorna in piazza al fianco dei lavoratori.
“Nonostante, infatti, la sottoscrizione dei protocolli sanitari che assicurano le aperture delle sale del gioco legale in piena sicurezza sia per i lavoratori che per i fruitori – continua la Sindacalista – nel cronoprogramma delle graduali riaperture previste dal Governo, non è stata ancora calendarizzata alcuna data possibile di riavvio delle attività. Da un lato il gioco legale fermo. Dall’altro il gioco illegale che in questi lunghi 7 mesi di inattività ha trovato terreno fertile per incrementare il malaffare, alimentando anche un sistema di gioco occulto fuori dalle sale da gioco”.
“Siamo chiusi da oltre 7 mesi perché hanno definito il nostro lavoro non essenziale – dichiara Roberta Messina lavoratrice del KURSAAL Bingo SO.LE. – ma chi decide cosa è essenziale e cosa non lo è? Per noi e per le nostre famiglie questo lavoro è essenziale”.
Posizionati su una cartella del bingo, simbolicamente riprodotta per l’occasione, una rappresentanza di lavoratori del settore gioco legale, in veste di fantasmi, provocati dallo spettro del gioco illegale.
“Scelte non lasciate al caso – spiega la Calabrò – da un lato le lavoratrici e i lavoratori che agli occhi delle Istituzioni si sentono come dei veri e propri fantasmi, dall’altro la provocazione dello spettro del gioco illegale che comunque prolifera. Anche per questo urge una programmazione certa della riapertura del settore che risulta essere tra i maggiormente segnati dalla crisi provocata dall’emergenza pandemica. Che arrivi chiaro e forte, dunque, il messaggio delle lavoratrici e lavoratori. Ci si ricordi – conclude la Sindacalista – che per migliaia di addetti, questo lavoro non è un gioco”.


“Dopo svariati mesi in cui si sono state messe in campo azioni di protesta, sit-in e lettere alle Istituzioni, finalmente riaprono le mense di servizio per la polizia penitenziaria all’interno degli istituti penitenziari siciliani che, a partire dal primo aprile, saranno assunti dalla Ati la cui capofila è la Fabbro Spa” – afferma Mimma Calabrò Segretario Generale Fisascat Cisl Sicilia – “I lavoratori sono stati lontani dal proprio posto di lavoro non tanto per una situazione legata all’emergenza pandemica che stiamo attraversando, ma, probabilmente, per farraginosi meccanismi burocratici. Lo scorso 25 settembre – continua la sindacalista – i dipendenti e le Organizzazioni Sindacali ricevevano comunicazione dalla COT Ristorazione, allora titolare dell’appalto, dell’imminente sospensione del servizio su disposizione del Provveditorato Regionale della Sicilia ma siamo stati vigili e abbiamo tenuto i riflettori sempre puntati sulla vertenza affinché tutte le parti interessate si facessero carico di una problematica che si è protratta fino alla data odierna – conclude Calabrò – Abbiamo apprezzato il sostegno ricevuto dagli agenti penitenziari che, in tutti questi mesi, hanno subito le conseguenze di tale mancato servizio. Tornare sul posto di lavoro significherà, per circa 70 lavoratori, riconquistare dignità lavorativa e tranquillità economica per le loro famiglie”.

Copyright © Fisascat Palermo Trapani 2018. Tutti i diritti sono riservati.