Comunicato stampa. Doccia fredda per i lavoratori Grande Migliore

“Abbiamo appreso con rammarico che il Comune di Palermo, nella seduta consiliare di oggi, ha bocciato l’atto aggiuntivo alla convenzione urbanistica a suo tempo stipulata tra il Comune di Palermo e la Migliore Spa” – con queste parole Mimma Calabrò, Segretario Generale della Fisascat Cisl Palermo Trapani, commenta la notizia appena appresa.
“Da quando il Grande Migliore ha abbassato le proprie saracinesche, non abbiamo mai smesso di rapportarci con il Curatore Fallimentare, Avv. Alberto Marino, per portare avanti tutti gli adempimenti tecnici e burocratici per far si che dalla vendita del Grande Migliore si potesse restituire ai lavoratori tutte le spettanze maturate e mai corrisposte – continua la sindacalista – Parliamo di migliaia e migliaia di euro di stipendi non corrisposti. Oltre al danno anche la beffa per i 269 ex dipendenti che, oltre ad aver perso il lavoro e non avere più alcuna copertura data dagli ammortizzatori sociali, vedono naufragare la speranza che, attraverso il cospicuo ricavato della vendita dell’immobile, potessero recuperare quanto loro dovuto in quanto frutto del loro lavoro in azienda. E’ veramente un peccato pensare che un immobile di tali dimensioni e con una posizione strategica dal punto di vista commerciale possa perdere la propria appetibilità, in quanto chi potrebbe aggiudicarselo all’asta dovrebbe ricominicare l’intero iter per la concessione urbanistica. Non vorremmo che le determinazioni assunte in seno alla seduta consiliare di oggi diventino un’amara sconfitta per i lavoratori, per le loro famiglie, per la possibilità che, a breve termine, si sarebbe potuta ingenerare occupazione – conclude Calabrò – Confidiamo sull’impegno da sempre profuso dal Curatore Fallimentare per continuare a difendere quanto oggi inaspettatamente è stato bocciato dal Consiglio Comunale”.

CATEGORY: Commercio
Copyright © Fisascat Palermo Trapani 2018. Tutti i diritti sono riservati.