Comunicato stampa: Protestano i lavoratori Fenice Store Srl, sit-in in Prefettura domani dalle 9.00 alle 13.00

Protestano i lavoratori Fenice Store Srl, azienda posta sotto sequestro che gestiva il supermercato all’interno della Galleria Portobello (Carini), di proprietà della Ferdico Giuseppe Snc in confisca. Sit in in Prefettura, domani dalle 09 alle 13.

 

Palermo 15 novembre 2018 – Tornano a protestare i 23 lavoratori Fenice Store Srl, l’azienda che gestiva il supermercato sito all’interno della Galleria Portobello, già in confisca. Nel settembre 2017 la Fenice Store veniva posta sotto sequestro.
Un intreccio delicatissimo, quello di una realtà confiscata che vede arrivare un provvedimento di sequestro per un suo ramo d’azienda dato in affitto. A farne le spese, le lavoratrici e i lavoratori, senza stipendio dall’8 dicembre 2017, in attesa che un nuovo soggetto imprenditoriale rilevi l’attività e loro possano riprendere a lavorare.
“Non vi è dubbio che si tratta di una vertenza molto delicata, in cui le leggerezze commesse in passato pesano adesso come macigni – affermano Monja Caiolo, segretario generale Filcams Cgil Palermo e Mimma Calabrò, segretario generale Fisascat Cisl Palermo Trapani – ma il prezzo non può essere ancora tutto a carico dei lavoratori. Chiediamo da un anno che si realizzi l’immediata restituzione del ramo d’azienda alla Ferdico Giuseppe Snc in confisca, in modo che questa possa attivare l’ammortizzatore sociale, previsto dal nuovo codice antimafia e dal decreto attuativo. L’ammortizzatore sociale è fondamentale per dare copertura ai lavoratori e traguardare serenamente tutto l’iter necessario per esaminare le due manifestazioni di interesse già da tempo presentate all’Agenzia nazionale per i Beni sequestrati e confiscati. Una, addirittura, già dallo scorso mese di febbraio.”
Il rifiuto netto dell’attuale amministratore giudiziario al ricorso all’ammortizzatore sociale, nonché alla ripresa in carico del ramo d’azienda può determinare, dopo un lungo anno di sacrificio economico, il licenziamento dei 23 lavoratori, considerato che la Fenice Store potrebbe fallire da un momento all’altro.
“Ciò significherebbe – proseguono Caiolo e Calabrò – che i lavoratori hanno atteso invano, rimettendoci anche la Naspi, tenuto conto del lungo periodo di tempo trascorso senza retribuzione e senza contribuzione, perché in aspettativa. Oltre il danno, anche la beffa. Se ciò si verificasse, peraltro, il nuovo imprenditore si ritroverebbe il supermercato senza lavoratori e senza alcun obbligo di ricollocare i 23 dipendenti Fenice Store in amministrazione giudiziaria”.
Queste le ragioni che hanno determinato il sit in che si terrà domani 16 novembre 2018, dalle ore 09 alle ore 13, negli spazi antistanti la Prefettura di Palermo, per chiedere ancora una volta, a gran voce, il supporto anche della Prefettura.
“La difficoltà più grande registrata in questa delicata vertenza, – concludono Caiolo e Calabrò – è stata l’assenza di un’interlocuzione diretta, più volte richiesta e mai realizzata, con l’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati e con la Prefettura di Palermo. In una realtà difficile come quella palermitana, in cui il settore del Terziario registra un numero notevole di aziende sequestrate e/o confiscate, il dialogo ed il confronto tra organizzazioni sindacali ed Istituzioni è necessario e deve essere serrato, solo così si può restituire dignità e legalità a lavoratori che hanno prestato la loro attività all’interno di aziende in cui vengono accertate infiltrazioni della criminalità organizzata.”

 

CATEGORY: Commercio
Copyright © Fisascat Palermo Trapani 2018. Tutti i diritti sono riservati.